lunedì 29 dicembre 2014

Ricostruzioni archeologiche in 3D

Per generare degli elaborati archeologici corretti occorre padroneggiare alcuni strumenti, e non solo. Durante l'elaborazione, virtuale o grafica, ci si trova di fronte ad alcuni quesiti, i quali necessitano di un'adeguata interpretazione. In un campo dove le evidenze archeologiche sono scarse, le interpretazioni molteplici, diventa necessario avere competenze specifiche per effettuare giuste scelte tipologiche. È consigliata l'analisi sul campo: unica arma in grado di fornire una conoscenza diretta dell'argomento. Molto importante è l'esigenza di collaborazione in favore di un'archeologia più moderna e scientifica che faccia ricorso a specialisti di più settori.
Gli strumenti tecnici a disposizione devono essere molteplici: una vasta conoscenza bibliografica, una serie di conoscenze apprese sul campo, le affinità con il disegno a mano libera e su tavoletta grafica, fino a giungere alle più attuali tecniche di rappresentazione attraverso l'uso di software 2D e 3D su cui improntare le ipotesi ricostruttive.
Proviamo a vedere alcuni esempi di ricostruzione realizzati usando due principali software, 3D Studio Max e Photoshop:








Altri esempi invece li trovate cliccando su questo precedente articolo del blog.

Riassumendo alcuni fra gli strumenti necessari:

Analisi sul campo
Collaborazione multidisciplinare 
Conoscenza bibliografica e di ricerca
Affinità con il disegno a mano libera
Tecniche di rappresentazione 2D e 3D
PaN

venerdì 26 dicembre 2014

Clitennestra

Figlia di Tindaro e di Leda. Zeus innamorato di Leda si unì a lei sotto forma di cigno, dando vita a Elena e Polluce, ma nella stessa notte anche Tindaro unitosi alla moglie generò Castore e Clitennestra (Apollodoro, III, 10, 7 sgg.).
Sebbene la sua natura non sia divina come quella di Elena, suscitò la passione di Agamennone, il potente re di Micene, nel volerla a tutti i costi in moglie. Lui ne assassinerà il marito Tantalo e il figlio ancora infante. Poi ottenuto il perdono si unirà con lei in seconde nozze.


Dall'unione dei due nacquero: Elettra, Ifigenia, Crisotemi e Oreste. L'imposizione da parte di altri capi nella guerra contro Troia di un sacrificio ad Artemide e il suo consenso ad immolarne la figlia Ifigenia, anche se poi non si consumò, produsse in Clitennestra un rancore eterno alimentato dalle insidie del cugino di Agamennone, Egisto, figlio di Tieste. Egisto e Agamennone erano entrambi parenti di Pelope, sul quale gravava una maledizione che ne avrebbe colpito i discendenti. Infatti finita la guerra, Agamennone, tornato a casa con la schiava Cassandra, figlia di Priamo, si trovò in una congiura ordita proprio da Egisto e Clitennestra. In Clitennestra, l'istinto omicida  prese il sopravvento sulla ragione. Non le bastò la morte del marito, la sua furia si scaricò verso l'incolpevole Cassandra, concubina e preda di guerra del marito, e sui gemelli avuti da Agamennone. Cercò di uccidere anche il suo legittimo figlio, per assicurare il trono ad Egisto, ma Oreste venne salvato dalla sorella Elettra e condotto in Focide. Proprio Elettra e Oreste vendicheranno in seguito il padre.
Il periegeta Pausania non si sente di condannare del tutto Clitennestra ed Egisto, poiché non sa dire con certezza chi abbia cominciato le offese. Agamennone infatti uccise Tantalo, figlio di Tieste e promesso sposo di una Clitennestra ancora giovane (Pausania, II, 18, 2).

Viene rappresentata affianco alla madre Leda sulla base della statua di Nemesi di Ramnunte, dove si svolge il tradizionale incontro con la sorellastra Elena. Tra le altre figure spiccano, Agamennone, Menelao, Pirro, il padre Tindaro e i fratelli Castore e Polluce. La statua è nota da alcuni frammenti conservati al museo di Atene.
Clitennestra che uccide Cassandra con un pugnale viene raffigurata nella lamina bronzea del 700-650, dal Museo Archeologico Nazionale di Atene (vedi immagine a destra). Mentre su una presa bronzea di uno scudo, del 575-550 conservato al Museo Archeologico di Olimpia, c'è Clitennestra che tiene Agamennone mentre Egisto lo uccide.

Grazie alle opere dei poeti tragici, colpiti dal suo destino e dalla sua gelosia, Clitennestra ricopre un ruolo di rilievo nella mitologia greca, pur avendo episodi limitati nei grandi miti. Essi si servirono di pochi stralci sparsi nell'Odissea per comporre struggenti drammi che la vedono come protagonista. Tra gli autori che dedicarono a lei la propria opera ci sono Eschilo, Sofocle ed Euripide. Fra gli autori latini vanno ricordati Livio Andronico e Lucio Accio.

PaN

lunedì 22 dicembre 2014

Tutorial Dutch Angle

Nel 2003 in una illustrazione per rivista, molto prima di sapere cosa fosse, avevo disegnato un "Dutch Angle"! Intuendo per fortuna quello che doveva essere l'effetto sperato. 
Questa tecnica prospettica, di composizione della scena, può essere utile per dare un tono particolare alle nostre illustrazioni e anche a qualche rendering!
Il termine dutch angle o anche chiamato angolo inclinato, angolo obliquo o angolo tedesco proviene dal mondo del cinema, dove è stato sperimentato nel 1919 nel film tedesco Il gabinetto del dottor Caligari.
Da allora l’effetto è stato utilizzato dagli illustratori per locandine di film e copertine di libri tascabili, specie tra gli anni ’60 e ‘70 (vedi immagine).

Questo tipo di composizione, inclinata lungo il suo asse verticale, serve a dare un senso di disagio, tensione o pericolo imminente. Viene spesso combinata con ambienti poco illuminati, angusti per evocare anche paura del buio e claustrofobia. Tali angoli di ripresa sono caduti in disuso negli anni successivi, tuttavia, ne fa largo uso il genere cinematografico horror, più di recente i giochi d'azione e horror.


Per realizzare la nostra prospettiva inclinata ci sono due sistemi: 

  • o la pensiamo prima, studiando il giusto effetto prospettico;
  • oppure prendiamo una nostra vecchia immagine, già realizzata, e la ruotiamo mantenendo un angolo tra 15° e 30°. Infine ritagliamo o scaliamo l'immagine per far tornare i bordi del quadro.

Per ulteriori informazioni riguardo questo tipo di prospettiva inclinata, rimando alla voce inglese di Wikipedia
Invece per una base (terra terra) sulla prospettiva, rimando ad un mio precedente tutorial sulla prospettiva a un punto e a due punti.
PaN